Mi fanno male i capelli


"Mamma, mi fanno male i capelli".
Urca, due anni e già mi cita Antonioni, è proprio figlia mia.

Invece forse si riferiva ad una specie di dreadlock che si stava formando sul coppino.
Così ieri sera ho deciso: "vieni cocca, che si fa la doccia con mamma oggi". Normalmente la fa col babbo, ma ora è inchiodato di schiena, non può certamente lavare l'anguilla.
"Nuoooooooomiahduhokloooooooooo grrrrrrrrrrrrrrrrrr grrrrrrrrrr grrrrrrrr"
Cioè non vuole fare la doccia.

Parto col solito elenco di tattiche, dalle più giuste alle più bieche. Dal dai che dopo sei bella profumata al io non ti tengo più in braccio, puzzi. Puzzona! Puzzona!


Non funziona.
Finché ho un lampo di genio, vabbè non esageriamo, diciamo che ho una felice intuizione. Oh mamma Siro, te la tiri sempre con il ribaltamento delle prospettive e poi che fai? Predichi bene e razzoli male.

"Amore rastafari, perché non fai la doccia alla mamma? Guarda che capelli sporchi che ho!".
Urca, ha funzionato. Mi sono seduta sul piatto della doccia (appunto mentale: comprare uno sgabello per la doccia di sopra) e Alice mi ha lavato i capelli. Con lo shampoo del babbo e senza balsamo, ma almeno abbiamo fatto la doccia.

Stamattina sembravo quella di La Bella e la Bestia, quella a destra intendo.


eh no, il balsamo ci vuole!

Ma quando siamo entrate in classe la dada ha preso in braccio Alice e ha detto "come sei profumata stamattina bella gioia!".
Sono soddisfazioni.

Etichette: , ,