Superfluo. Non mettetevi sulla mia strada, butto via tutto.


Continua a leggere questa esilarante storia su Zerocalcare: Il Demone della Reperibilità.

Cioè che arriva un momento che esplodi.

Che ti arriva un nuovo lavoro e che lo devi fare per domani. Cosa vuoi che sia, ci metti dentro un testo finto, o un testino. Ti metto un testicolo ti metto.

Che questo lavoro è sottopagato. Ti faccio i conti della serva veh, con carta e penna. Togli la cifra di start iniziale con lo studio del cliente e della concorrenza. Prendi il numero dei testi, dividi la cifra che rimane per il numero dei suddetti testi. Sono 15 euro lordi a testo. Lordi. Quindi 7 netti. Per rimanere in economicità quindi diciamo che per scrivere questi testi ci metto mezz'ora, compresa la ricerca del materiale e gli accordi con il cliente.
Come sei categorica. Devi essere più elastica.
Certo se sono più elastica fa meno male.
Ma ti ho messo la cifra di start che ti alza.
Ma mica è una finta quella eh! Io quel lavoro lo devo fare, se no su cosa lavoro, su cosa? Mica è fuffa, è lavoro quello. Cosa alza, cosa?
I lavori sono così non li devi considerare a sé, prendilo con un altro lavoro e vedrai che compensi.
Trovami un lavoro per cui sono stata sopra-pagata (non esiste nemmeno il termine, pensa te!). L'altro lavoro che mi hai proposto è più sottopagato di questo. Guarda che "meno x meno fa più" è una barzelletta che ti hanno raccontato a scuola, eh!
Sempre voglia di scherzare te! Dai pensaci, poi mi dici, intanto comincia, che c'è fretta.

Che intanto mi scrive gente su whatsapp, su messenger, su skype, via email, ora persino mi scrivono su linkedIn. Non mandatemi messaggi su Pinterest, per carità, quello non lo apro quasi mai. Se entro 5 minuti non rispondo cominciano le telefonate o le emoticon più o meno disperate. Ce l'hai con me?
Ti ho mandato una mail, non l'hai vista? Hai fatto? Hai letto? Sei andata qua? Vieni là? CI DEVI ASSOLUTAMENTE ESSERE.



Che torno a casa e trovo sempre nuove bambole, nuove costruzioni, giornaletti, figurine. Possibilmente cose piccole, che si infilino sotto i mobili eh, grazie mille.

Butto via tutto.
Siete avvisati.

Su whatsapp i gruppi si possono tacitare. Lo sapete?
Messenger lo disinstallo.
Su Skype non sono più reperibile, magari ci sono, ma non lo potete sapere prima [sorriso diabolico].
I blog li leggo tutti su feedly. Mi riservo di saltare i post che ritengo noiosi e gli articoli inutili. Che non devo sapere sempre tutto. Sopravvivo lo stesso, anche più leggera. Ah-ha.
Se un articolo mi interessa e non è nel feed, pigio +pocket e me lo leggo stasera. Forse. O quando mi tornerà in mente.

Ho letto il libro della Farabegoli, sono a inbox zero, volevo dirvelo. La mia posta è sgombera. Mi sono anche cancellata da quasi tutte le newsletter. Voi non avete idea della vertigine, se non avete provato.

Bloccati su Facebook quelli che postavano solo tette. Eliminati dalle amicizie quelli che inneggiavano al razzismo e all'omofobia. Oscurati quelli che si lamentano sempre. Via, pussa via.
Stellinati i migliori amici, quei 3-4 che vale veramente la pena seguire, che dicono sempre cose argute/intelligenti/interessanti.


Approfitto del cambio dell'armadio per buttare via tutti i maglioni che sono rimasti in fondo al cassetto. Non compro roba da anni, quindi sicuro che non sono nuovi e che non mi servono, altrimenti li avrei messi.

Ma soprattutto.
Qual è la prima cosa che a una donna viene in mente se dico ad alta voce scandito bene

S U P E R F L U O?


Esatto. Ho prenotato le prime due sedute per l'epilazione D E F I N I T I V A.

Sapevatelo.

Ora la vita mi sorride. Zao.






Etichette: , ,